top of page

Cop 27 di Sharm el Sheikh

L'esito della Cop 27 di Sharm el Sheikh per un accordo mondiale sul clima è stato deludente.


È stato un accordo al ribasso il cui unico elemento positivo sta nell'istituzione di un fondo per i danni provocati dall'emergenza climatica rivolto ai Paesi in via di sviluppo più vulnerabili agli eventi meteorologici estremi.


Si è dunque finalmente risolto il problema del Loss and damage, ma sulle riduzioni delle emissioni è stata persa una occasione straordinaria rispetto alla Cop26 di Glasgow.


Auspichiamo che si possa rimediare a questo insuccesso alla Cop28 di Dubai. Siamo arrivati ormai a 1,2 gradi di riscaldamento e sono evidenti a tutti gli effetti che questo stia già provocando.


La soluzione non può essere solo l'istituzione di un fondo per rimediare ai danni, è soprattutto investire risorse importanti per ridurre drasticamente il rilascio di gas serra nell’atmosfera.


Nel testo finale della “cover decision”, il documento che riassume le decisioni politiche, manca infatti l’impegno per un’uscita sicura e socialmente sostenibile dai combustibili fossili.


A Sharm, come hanno rilevato autorevoli osservatori, si è visto un esplicito tentativo da parte di imprese e paesi produttori di gas e petrolio di rallentare una transizione necessaria e ormai inevitabile.


𝗡𝗼𝗻 𝘀𝗶 𝗽𝘂𝗼̀ 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮𝗿𝗲 𝗮 "𝗴𝗶𝗼𝗰𝗮𝗿𝗲" 𝗰𝗼𝗻 𝗶𝗹 𝗳𝘂𝘁𝘂𝗿𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗼 𝗣𝗶𝗮𝗻𝗲𝘁𝗮!







Comments


bottom of page